Rappresaglia

By simone

Hanno compilato una lista nera con tutti i lavoratori che scioperarono a maggio e hanno deciso che a nessuno di quei tutor dovesse essere rinnovato il contratto a progetto.

Licenziati per rappresaglia. Siamo a Bologna nel 2008, non nel 1955.

In spregio alla professionalità, all’anzianità di servizio, alla qualità del lavoro, ma soprattutto indifferenti ai diritti minimi dei lavoratori. Cesd Srl ha confermato il suo stile nelle relazioni coi lavoratori: esercizio del ricatto, prepotenza, nessun rispetto delle persone.

Dietro i sorrisi delle pubblicità, dietro all’aspetto amichevole di tutti i testimonial, dietro all’immagine rassicurante, si cela un’azienda che sfrutta i lavoratori, calpesta la dignità delle persone, comandandole con il ricatto e grazie a tutto ciò produce quotidianamente profitti stellari. Questo è Cesd Srl.

Ma non finirà qui. Tutti gli strumenti legali e di iniziativa sindacale possibili saranno messi in campo per imporre all’azienda il rispetto delle leggi e delle persone.

Questo sito continuerà ad essere lo strumento di chi, lungo tutto lo stivale, non si rassegna a subire quotidianamente il continuo ricatto di questa azienda, e vorrà organizzarsi per poter conquistare i propri diritti negati.

12 Risposte a “Rappresaglia”

  1. sc Dice:

    e non solo bologna…anche a roma, in modo subdolo…

  2. Me Dice:

    Immaginavo che sarebbe finita così. Anche durante il nostro “sciopero” di qualche anno fa per avere gli stipendi giusti (che bellamente ci tagliavano) suiccesse la stesa cosa.
    Fanno schifo.
    Restiamo uniti: blocchiamo tutto a partire dalla sede di Bologna!

  3. Padovana Dice:

    Come (fortunatissima) ex-precaria della ricerca capisco la vostra battaglia contro un datore di lavoro del genere, della peggior specie (ma non lascerei fuori dalla battaglia nemmeno questo governo!).
    Come (sfortunatissima) ex-cliente della suddetta società, vorrei che tutti gli italiani conoscessero il vero sistema con cui lavora la Cesd per starne il più lontano possibile, altro che belle facce e grandi promesse!!

  4. Poveri Noi Dice:

    Che dire??? Tutto cio’ era piuttosto prevedibile! Un contratto del genere non offre alcun tipo di garanzia e chi osa dire che qualcosa non va bene viene messo subito alla porta!
    Prepariamoci a una bella sorpresa… Viste le pressioni dei sindacati il signor Polidori ha pensato bene NON di regolarizzare i precari, ma di regolarizzare un contratto che ci trattava da dipendenti e non da collaboratori. Quindi, se tutto va bene, nella forma saremo dei veri lavoratori a progetto, in sostanza continueremo ad essere dei dipendenti! FATTA LA LEGGE TROVATO L’INGANNO! In perfetto stile CESD!!!

  5. Maria Genovese Dice:

    Tenete duro e soprattutto restate uniti. Da soli queste battaglie sono un massascro, ma se siete in tanti… non so se riuscirete ad ottenere qualcosa, ma almeno domani potrete dire con orgoglio di avere vissuto con la schiena diritta, senza cedere, lottando.
    In bocca al lupo.
    (ex reasponsabile didattica)

  6. Me Dice:

    Maria ha perfettamente ragione. Quello che serve ora è stare uniti e agire insieme. Non farsi scoraggiare e lottare anche per il colleghi di Bologna che ci hanno rimesso il posto.

  7. caron_dimonio Dice:

    ma esiste qualche anima che gli ha fatto una bella vertenza e l’ha vinta?

  8. Francesca Dice:

    Beh, è terribile leggere tutto ciò ma non mi stupisco.. sapete perchè?
    Perchè quello che stanno facendo nelle sedi lo stanno facendo anche qui alla centrale, ci hanno rinnovato i ctr a progetto a tutti fino a dicembre perchè, a detta loro, da gennaio CAMBIA LA SOCIETA’..
    Ma a chi vogliono raccontare tutte queste cazzate???
    Si sa che ci stanno facendo fuori.. e quelli che tengono li pagano una miseria..
    Però c’è sempre un però…
    L’altro giorno ho visto una collega di un altro ufficio che stava svuotando il cassetto, se ne andava di sua spontanea volontà, perchè l’ultimo stipendio lordo era di 600 euro e il netto di 200 euro.. E giustamente uno non viene a lavorare per la gloria porca miseria!!
    Ma c’è di più… continuano a dire che faranno tagli al personale causa mancanza di fondi.. E allora qualcuno mi spiega perchè uno dei tanti responsabili di nonsocosa (se lavorate al cepu conoscete bene il sistema: qua tutti sono responsabili, ci sono anche i responsabili della centralina elettrica per dire) prende 5000 euro? Per fare che? Per guardare gli altri che lavorano.. E non lo sto esagerando.. ci sono alcune persone che non fanno niente, ma vi giuro NIENTE e prendono queste cifre..
    CHE VERGOGNA, QUESTA AZIENDA E’ UNA VERGOGNA CONTINUA.
    Spero di riuscire a trovare qualcosa di meglio, perchè se tra 10 anni sarò ancora li allora potrò dire di aver fallito.
    Baci

    Fra

  9. Super Precaria Dice:

    Sono una delle sfigate che lavora da 8 anni al CEPu con contratto a termine in otto mesi in otto mesi. Nulla di positivo si prospetta per il futuro e figuriamoci un’assunzione a tempo indeterminato. Che schivo, ripeto che schivo. L’importante è che pensiate anche a noi recptionist che siamo nella vostra medesima situazione!!!!!!!

  10. io Dice:

    anche io lavoro da anni in questa azienda… e anche io come voi sono sdegnata del trattamento che ci riservano. anni e pile di contratti rinnovati..un progetto pluriennale dire.. paga bassa, strees alle stelle e continui obblighi non previsti da contratto. anche a noi hanno detto che tutti i contratti sono in scadenza a dicembre e che sono previsti dei grossi tagli. la cosa che mi stupisce è che questi “tagli” che il “dott” Polidori prevede di fare saranno indiscriminati. senza tener conto da quanto tempo, ne che cosa hai fatto in azienda. tutto è pilotato dai famosi CAPI DEI CAPI, che decidono unicamente secondo il loro gusto e simpatia chi deve e chi non deve lavorare. La cosa che mi lascia stupita e attonita è la loro non curanza del fatto che propongono un trattamento contrattuale attaccabile su ogni fronte, e che nonostante questo continuino ad obbligarci a rispettare turni orari riunioni etc etc.. e lo fanno anche per iscritto!!!! per non parlare delle condizioni igienico santarie, e dell’arredamento assolutamente anti legge 626. ma perchè tutto questo passa inosservato agli occhi dei piu???perchè una società così prestigiosa agli occhi della gente in realtà ha un sistema che definirei assolutista?

  11. Franz Dice:

    beh… a dire il vero non possono licenziarvi perché non siete mica assunti. semplicemente non vi rinnovano il contratto a progetto, no?
    oddio, nemmeno io lo farei :)

  12. Me Dice:

    Ma perché non parliamo del nuovo “contratto” con quella bellissima serie di clausoline vessatorie: tipo se non passano tot studenti a fine anno (il progetto, come lo intendono loro) non ti do una mazza della cifra (inventata) che dovrei darti?

Lascia una Risposta